Test Terzo: Il tool avanzato

Scarica ATTO Disk Benchmark v.2.46. Questo è forse il tool più usato in giro per il web e la sua grande diffusione si deve sicuramente alla chiarezza dei report prodotti in formato grafico e alla completa interfaccia di controllo.
Attobench Al pari degli altri tool, anche questo non necessita di installazione però non è per nulla il più leggero dei tre, stenta un pò in avvio del test nonostante il quadcore Intel 950 e i ben 6 Gb di ram triple channel overcloccati alla frequenza di 2 GHz. Forse lega poco con sistemi come Windows Seven. Ad ogni modo, una volta lanciato, non ha alcun problema e riesce a testare le velocità di lettura e scrittura dei vari blocchi di dati di peso differente. Il grafico che si genera è molto eloquente e il test si completa in circa 5 minuti. Questo benchmark è un prodotto davvero completo ed offre anche un controllo sulla scrittura dei dati in memoria. Per eseguirlo bisogna mettere il segno di spunta su “I/O Comparison”. Questa opzione confronta i dati immessi nella memoria con quelli estratti dalla stessa e se venissero riscontrate differenze significherebbe

perdita dei dati quanto meno parziale. Per migliorare l’efficacia di questo test, aprite il menù a tendina in corrispondenza di “Test Pattern” e selezionate una delle tre opzioni in basso (Increment, Decrement, Random). Queste opzioni incidono sulla generazione dei dati di prova e l’elevato grado di variabilità conferito dalle ultime tre opzioni garantisce la massima accuratezza.

Ogni tool preso in esame in questo articolo è stato sottoposto alla scansione di Kaspersky Antivirus ed è risultata assolutamente attendibile.