You are here: Home // Elettronica, Primi passi // Resistenze

Resistenze

La resistenza è il componente di base dei circuiti elettronici. Senza dilungarci troppo sul lato teorico, possiamo dire che il principale uso delle resistenze consiste nel creare l’ambiente migliore per il funzionamento di altri dispositivi, tipo limitare la corrente che circola nei diodi, svolgere la funzione di pull-up o pull-down, costituiscono le reti di polarizzazione dei transistor e i partitori di tensione.

Solitamente nei circuiti attivi (gli amplificatori per intenderci) si cerca di fare in modo che le caratteristiche dipendano dalle resistenze (e non dal componente attivo utilizzato) perchè esse sono molto stabili nel tempo e mantengono il loro valore pressochè invariato all’aumentare della temperatura (ovviamente entro certi limiti). Inoltre vengo usate così perchè siamo in grado di realizzare resistenze di valori molto precisi: in commercio ci sono resistenze con tolleranze molto basse dal 1% al 5-10% (ma ne esistono anche dello 0,1%).

Dal punto di vista elettrico la resistenza è un “bipolo”. La sua relazione costitutiva è V=RI dove V è la tensione ai capi della resistenza e I è la corrente che la attraversa. La potenza che passa attraverso la resistenza è P=\frac{V^{2}}{R} oppure P = I^{2} R. La resistenza si misura in Ohm [Ω].

Le resistenze possono essere collegate in serie o in parallelo come nelle figure:

serie parellelo
R_{tot}=R_{1}+R_{2}+R_{3} \frac{1}{R_{tot}}=\frac{1}{R_{4}}+\frac{1}{R_{5}}+\frac{1}{R_{6}}

Fatta questa piccola introduzione vediamo alcuni aspetti pratici.

Come sono fatte???

Bhe, visto che, nella mia esperienza personale, il 70% dei componenti elettronici che ho usato sono “materiale i recupero”, è bene sapere come sono fatte. Ecco alcune immagini.

xx carbon xx metal xx filo xx ceramica

Le ceramiche (solitamente più grandi) sono resistenze di potenza cioè capaci di sopportare una potenza maggiore (nel caso della foto può sopportare 5Watt).

Le più comuni sono quelle a impasto e a strato. In base alle dimensioni possono essere da \frac{1}{4}W , \frac{1}{2}W e 1W.

Come riconoscerne il valore?

Esiste una convenzione di colori che in base alla posizione delle fasce colorate ci indica il valore della resistenza e la sua tolleranza.

xx

resistorecod1

xx

Le prime due bande colorate indicano un valore numerico;

La terza rappresenta un fattore moltiplicativo.

La quarta indica la tolleranza.

Per i valori basta riferirsi alla seguente tabella.

codcolor

The following two tabs change content below.
Sono laureato in ingegneria elettronica, con la passione per l'elettronica, non perdo occasione di sperimentare e divertirmi.

Ultimi post di Antonino Battaglia (vedi tutti)

Continua a leggere... 1 2

Tags: , , ,

1 Response to " Resistenze "

  1. vincenzo scrive:

    Confermo un transistor e due resistenze, e il microfono è amplificato.

    Circuito realizzato in collaborazione con uno del gruppo di provalo tu….

Leave a Reply

Copyright © 2009 Provalo Tu. All rights reserved.
Designed by Theme Junkie. Powered by WordPress.